Brand Positioning: guida al posizionamento di un brand online

BrandPositioning.jpg
Pubblicato il 7 settembre 2021 da Eugenia Acquarone

Il più grande strumento di comunicazione a disposizione di tutte le aziende è sicuramente il proprio brand.

Pianificare una strategia di marketing volta a posizionare il proprio brand in modo efficace è lo strumento migliore per far arrivare il messaggio giusto al proprio target di riferimento.

Che cosa si intende per posizionare il proprio brand?

Cos’è la brand positioning? Come implementarla?

Posizionare il proprio brand significa conquistare una posizione chiara e definita nella percezione del consumatore finale, all’interno di un mercato specifico in cui si compete giorno dopo giorno.

Il brand dovrebbe rappresentare l’unicità dell’azienda e dovrebbe riflettersi nella strategia di comunicazione di marca dell’intera organizzazione, integrata nel marketing mix.

Di conseguenza è essenziale riuscire a identificare il marketing mix più efficiente per la propria attività ed implementarlo nel modo migliore.

modello marketing mix.jpg

In che modo è possibile posizionare il proprio brand nel mercato di oggi?

Con gli strumenti e i canali di comunicazioni a disposizione di tutti, oggi è possibile posizionare il proprio brand a 360 gradi sia online che offline.

I nuovi strumenti digitali e il web 2.0 sono diventati il veicolo principale attraverso cui comunicare la propria brand identity, creando rapporti e relazioni durature nel tempo.

Ogni organizzazione, oggi, dovrebbe porsi queste domande:

  • Quali sono i miei obiettivi?
  • In cosa si differenzia la mia brand positioning strategy?
  • Qual è il mio target di riferimento? Quali sono i miei potenziali clienti?
  • Chi sono i miei competitors? Come si comportano online e offline?

Ecco di seguito 5 consigli da noi di Ekeria per posizionare il tuo brand al meglio:

  1. Definisci i tuoi obiettivi
    Gli obiettivi da preporsi devono essere S.M.A.R.T.: specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti, contenuti nel tempo.
    Quest’ultimi devono inoltre essere adatti al personal branding, espressi attraverso la propria esperienza e visione.
  2. Definisci il tuo pubblico
    Studia e conosci i destinatari dei tuoi messaggi di comunicazione. È essenziale concentrarsi solo su particolari segmenti di mercato indirizzando a quest’ultimi messaggi mirati e personalizzati.
  3. Identifica il tuo valore aggiunto
    In un mercato sempre più competitivo è essenziale riuscire a identificare il valore aggiunto che differenzia il mio brand dalla concorrenza, rendendolo unico e riconoscibile.
  4. Crea contenuti di qualità
    Una volta definiti i miei obiettivi e il mio target è il momento di produrre contenuti specifici e di qualità, veicolandoli sui touchpoints predefiniti. È essenziale creare un piano editoriale e strutturare una content strategy in grado di intercettare il mio target di riferimento.
  5. Sfrutta i social media
    In questa fase serve definire i canali da utilizzare per veicolare i contenuti. È essenziale sfruttare sia il sito web aziendale (introducendo anche un blog editoriale) sia le piattaforme social di proprietà come Facebook, Instagram, Linkedin ecc.

Naturalmente non bisogna dimenticarsi di analizzare e monitorare costantemente i KPI di riferimento per rinnovare e migliorare la strategia anche in corso d’opera.

< Indietro
ekeria-image.png

Stai cercando un partner digital che ti accompagni nella crescita?

Entra in contatto con noi